Vai al contenuto principale

Procedure consigliate per la gestione di un IP dedicato

In questo articolo, ti parleremo delle nostre procedure consigliate per la gestione di un IP dedicato.

Crea una configurazione tecnica coerente

Coerenza è la parola chiave principale nell'ambito dell'emailing. Per garantire il tasso di recapito e il tasso di posizionamento nella casella di posta in arrivo migliori possibile, è essenziale iniziare con una buona configurazione tecnica per il tuo IP e i mittenti.

Consigli di configurazione per un IP dedicato

Opzione 1: Adotta una rigida regola di allineamento (usa il sottodominio associato all'IP dedicato per l'indirizzo del mittente).

  • Indirizzo del mittente: hello@news.company.com 
  • Firma del dominio (DKIM): news.company.com
  • Indirizzo di risposta: hello@company.com
  • Dominio dell'IP: news.company.com

Opzione 2: Utilizza un sottodominio diverso per la configurazione dell'IP e l'indirizzo del mittente.

  • Indirizzo del mittente: hello@info.domain.com
  • Firma del dominio (DKIM): info.domain.com
  • Indirizzo di risposta: hello@info.domain.com (or hello@domain.com)
  • Dominio dell'IP: sub.domain.com

Verifica che l'IP dedicato sia configurato correttamente

Dalla pagina IP dedicati di Sendinblue, puoi verificare che l'IP dedicato sia configurato correttamente:

  • verificando che il tuo IP dedicato sia attivo,
  • controllando il tuo punteggio di mittente e le tue informazioni di base di mittente.

mceclip1.png

Usa il tuo IP dedicato per inviare un volume elevato e costante di email

La reputazione di un IP si stabilisce nel corso di un certo periodo di tempo, quindi è essenziale inviare un volume regolare e coerente di email. Un improvviso aumento del volume può sembrare sospetto per gli ISP e molto probabilmente il tasso di posizionamento nella casella della posta in arrivo ne risentirà.

Pulisci la lista dei contatti

Come spiegato in precedenza, è estremamente importante mantenere il database dei contatti pulito e aggiornato. Sendinblue ti aiuta a pulire automaticamente il tuo database per mantenere una buona lista. La nostra piattaforma inserisce automaticamente nella blacklist i contatti che:

  • annullano l'iscrizione alle tue email,
  • generano un hard bounce,
  • contrassegnano la tua email come spam.

Anche se utile, questo però non basta! È anche fondamentale ordinare e segmentare le liste di contatti per inviare campagne email mirate a gruppi di contatti pertinenti.

Mantieni un indirizzo IP coerente ed evita di usarne troppi

La modifica dell'indirizzo IP o l'invio da più indirizzi IP non è mai una soluzione per risolvere i problemi di deliverability o per prevenirli. 

Utilizzando molti IP dedicati e associandoli a nomi di dominio diversi, sarà difficile per te crearti una reputazione positiva con gli ISP e i provider di webmail nel tempo. 

Usa IP separati per diversi tipi di email quando possibile

Se il livello di rischio è diverso per i diversi tipi di email che invii e il volume è sufficientemente alto per ogni tipo, ti consigliamo di separare la reputazione utilizzando più IP dedicati (ad es. 1 IP per inviare email transazionali e 1 IP per inviare campagne email).

Non configurare molti IP pensando che renderà più veloce il processo di riscaldamento

Grazie all'impronta digitale dell'email, gli ISP rileveranno facilmente che le tue email provengono dallo stesso mittente e dalla stessa piattaforma,

Se stai passando a Sendinblue con una lista di contatti pulita e una buona reputazione consolidata, il riscaldamento del tuo IP dedicato non dovrebbe richiedere molto perché questo nuovo IP sarà associato alla reputazione positiva:

  • del tuo dominio mittente
  • del dominio usato per autenticare il tuo dominio
  • dell'impronta digitale delle tue email.

Se il volume di email richiede diversi IP dedicati, dovresti aggiungerli progressivamente al tuo pool di IP. Questo può essere gestito facilmente assegnando una percentuale di peso agli IP.

❗️ Importante
Se non invii email dal tuo IP dedicato per 30 giorni, dovrai riavviare il processo di riscaldamento ancora una volta.

Rispetta e migliora la tua reputazione di invio

❗️ Importante
A prescindere che tu utilizzi un IP condiviso o un IP dedicato, devi conformarti alla politica anti-spam di Sendinblue. In caso contrario, il tuo account potrebbe essere sospeso. Scopri di più sulla sospensione dell'account.

Il tuo tasso di recapito dipende principalmente dalla tua reputazione presso gli ISP che forniscono caselle di posta, come Yahoo, Gmail, Hotmail, ecc. Questa "reputazione" è il livello generale di fiducia concesso dagli ISP. Gli ISP possono aiutare o ostacolare la tua capacità di inviare email. Questa reputazione generale è una combinazione di due reputazioni più specifiche: quella del tuo IP e quella del tuo dominio mittente.

Sendinblue offre solo IP dedicati "nuovi", che hanno una reputazione neutra. Il dominio o sottodominio che hai collegato al tuo IP dedicato di solito è già "conosciuto" o riconosciuto dagli ISP.

Sono molti gli elementi che hanno un effetto determinante sul tuo livello di reputazione:

Reclami

Quando i tuoi destinatari fanno clic su "Segnala spam", gli ISP registrano un reclamo e lo condividono con Sendinblue. Questi reclami hanno un impatto negativo sulla tua reputazione. Il livello massimo di reclami tollerati da un ISP è dello 0,1%.  Alcuni ISP forniscono informazioni sull'origine di questi reclami (per sapere chi ha contrassegnato la tua email come spam). In questo caso, Sendinblue inserisce automaticamente nella blacklist questi indirizzi email.

Hard bounce

Gli hard bounce si verificano quando le email vengono inviate a indirizzi che non esistono più o che non sono mai esistiti. Gli ISP giudicano la qualità della tua lista di contatti in base al volume degli hard bounce. Se le tue email generano un volume significativo di hard bounce, potrebbe voler dire che stai utilizzando un database obsoleto o, peggio, uno contenente email generate automaticamente.

Trappole per spammer

Le trappole per spammer sono indirizzi email falsi utilizzati dagli ISP per individuare gli spammer. Questi indirizzi email sono creati intenzionalmente dagli ISP o sono indirizzi molto vecchi non attivi recuperati dagli ISP. Quando gli ISP rilevano una campagna email inviata a un indirizzo trappola, presumono che la campagna sia stata inviata a contatti non opt-in e l'email viene quindi classificata come spam. Di conseguenza, il tuo IP dedicato potrebbe entrare nella blacklist.

Puoi monitorare la tua reputazione direttamente dal tuo account Sendinblue. Forniamo un misuratore di reputazione che è influenzato da due indicatori di qualità della reputazione IP: Sender Score (gestito da Return Path) e Sender Base (gestito da Cisco). L'indice di questo misuratore di reputazione può variare tra 0 e 100, a seconda di questi diversi indicatori. Un indice di 80 o più può essere considerato un buon punteggio di reputazione.

Se riscontri problemi con la reputazione del tuo IP, è importante risolverli in modo proattivo.

Il tuo indirizzo IP potrebbe essere segnalato a blacklist indipendenti, come Spamhaus, se sospettato di inviare email di spam. Inizia controllando le email di notifica da queste blacklist. Se sono necessarie ulteriori azioni per rimuovere il tuo IP da una blacklist, segui attentamente le istruzioni fornite.

Potresti anche ricevere notifiche dal team di assistenza clienti di Sendinblue con istruzioni per migliorare le tue prestazioni.

Una volta corretti eventuali problemi, è importante mantenere bassi i tassi di reclami per spam. L'invio di email mirate solo a liste di contatti opt-in al 100% è il modo migliore per creare una reputazione di invio positiva.

Elimina la causa primaria di qualsiasi problema di recapito prima di inviare una richiesta di mitigazione all'ISP o a qualsiasi blacklist di terze parti

L'inserimento nella blacklist ha un motivo e non riuscire a risolvere il problema che lo ha causato porterà semplicemente a un nuovo blocco dell'IP. Col tempo, diventerà sempre più difficile convincere gli amministratori della blacklist a fidarsi del proprietario dell'IP e potrebbero semplicemente rifiutarsi di revocare le sanzioni.

Per evitare problemi a lungo termine, occorre identificare in modo chiaro e risolvere il problema che ha causato l'inserimento nella blacklist dell'IP dedicato prima di inviare una richiesta di rimozione dalla lista. 

Una volta che le metriche hanno dimostrato che il problema è stato risolto, puoi inviare una richiesta di mitigazione all'ISP o al portale della blacklist.

🤔 Domande?

In caso di domande, non esitare a contattare il team dell’assistenza creando un ticket dal tuo account. Se ancora non hai un account, puoi contattarcihere.